Usted puede comprar Cialis o comprar Cialis generico online. Sin embargo, comprar cialis genérico online en España contrae algunos riesgos
Restauro della Madonna del Popolo aquilano « Eventi, mostre e appuntamenti « Curia&Cultura
 

Eventi, incontri, dibattiti, pubblicazioni dell'ufficio beni culturali dell'Arcidiocesi dell'Aquila  

Restauro della Madonna del Popolo aquilano

19 giugno 2010
Madonna Del Popolo Aq

In tanti si sono ritrovati ieri sera alla Chiesa Santa Maria del Suffragio (Anime Sante), all’Aquila in Piazza Duomo, dove si è svolta la cerimonia di consegna alla Curia aquilana dei fondi raccolti da One Group Edizioni per il restauro del dipinto della Madonna del Popolo Aquilano, esposto eccezionalmente all’ammirazione dei presenti. Per l’occasione l’Arcivescovo Giuseppe Molinari ha composto una bellissima preghiera di devozione alla Vergine che ha letto, con grande commozione di tutti, durante la Santa Messa e che presto sarà pubblicata.

Altro momento toccante della cerimonia, la presenza di Pierluigi Bianchetti, il Vigile del Fuoco che a pochi giorni dal disastro del 6 aprile rimase gravemente ferito, proprio nelle Anime Sante.  Un terribile volo di oltre 10 metri mentre si prodigava per la messa in sicurezza della chiesa gravemente danneggiata. A lui e al Corpo dei Vigili del Fuoco è stata dedicata la cerimonia religiosa, in segno di riconoscenza per quanto hanno fatto per la nostra città e perchè è stata proprio ad opera dei Vigili del Fuoco il ritrovamento della Madonna del Popolo Aquilano finita sotto le macerie dopo un volo di 15 metri.  E’ stata recuperata il 3 maggio 2009 nella chiesa di San Marco, distrutta anch’essa dal sisma.

Si  è conclusa così un’operazione civica, voluta dalla One Group Edizioni dell’Aquila che ha devoluto il ricavato della ristampa del libro “Il nostro terremoto” del giornalista e scrittore aquilano Angelo De Nicola, all’adozione di quest’opera d’arte, icona sacra della città. Oltre ai tanti lettori che hanno acquistato il libro, altri protagonisti hanno contribuito alla riuscitissima iniziativa: il Commissario per la tutela dei Beni Culturali, ing. Luciano Marchetti e la Soprintendente ai Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici per l’Abruzzo, Lucia Arbace e  il Lions Club dell’Aquila. Contribuire anche con una piccola goccia a restituire alla città dell’Aquila le sue immense meraviglie vale quanto il mondo.

 

SCHEDA SUL DIPINTO LA MADONNA DEL POPOLO AQUILANO
Il dipinto è stato ritrovato il 3 maggio scorso dai Vigili del Fuoco tra le macerie della Chiesa di San Marco all’Aquila. Il quadro della Madonna con Bambino fu rinvenuto nel 1720 da un bambino. Il missionario cappuccino P. Giuseppantonio da Trivigliano ne propagò la devozione portando il dipinto nel 1723 all’Aquila nella parrocchia di San Marco. Il vescovo Taglialatela ed il Magistrato Aquilano, in seguito alle molte grazie ottenute dalla Vergine, le attribuirono il titolo di “Madonna del Popolo Aquilano” e la proclamarono solennemente protettrice della città, il 20 novembre 1727, alla presenza di tutte le autorità cittadine e di tantissimi aquilani. La fama dei miracoli e favori concessi dalla prodigiosa Immagine attirò tantissimi fedeli. Venne istituita una Confraternita la quale, arricchita da molti pontefici di vari privilegi e di grandi indulgenze, annoverò 6.000 iscritti, tra i quali l’imperatore d'Austria e re di Napoli, Carlo VI, e la sua famiglia e tutta la nobiltà cittadina. La sacra immagine fu solennemente incoronata dal cardinale Federico Tedeschini il 7 ottobre 1950 e l’arcivescovo Carlo Confalonieri ottenne che si aggiungesse nelle litanie l’invocazione: “Regina, salus populi aquilani, ora pro nobis” (Regina, Salute del Popolo Aquilano, prega per noi).



Photogallery

Archivio

Cerca in archivio